Il baobab cominciò a vantarsi della sua grandezza, della sua forza e della sua bellezza.

«Ho un tronco largo e possente, radici profonde, rami robusti, e la mia chioma è la più verde di tutta la savana. Neanche il sole è più bello di me.»

E fu così che il sole, che aveva ascoltato in silenzio le parole del baobab, gli incenerì tutte le foglie. Ed è per questo che da allora i baobab restano senza foglie per buona parte dell’anno.

 

riccardo pelizzo

 

© African Politics and Policy