Un’antica leggenda africana narra che una giovane donna, preoccupata per la salute del marito, si rivolse ad uno stregone che si offrì di metter fine alle sue preoccupazioni, a patto che la donna gli  portasse il baffo di un leone.

In questa versione della storia, la donna per giorni portò della carne ad un leone che alla fine le permise di avvicinarsi abbastanza da strappargli un baffo e fuggire incolume.

La vicenda non andò affatto così. La donna effettivamente portò la carne al leone a cui effettivamente strappò un baffo. Ma il leone, inferocito dall’affronto, balzò sulla donna e la uccise.

Il marito, non vedendo rincasare la moglie, si recò dallo stregone che gli narrò tutti gli eventi.

«Ma non sei stato di parola» disse adirato il giovane sposo.

«Certo che lo sono stato» ribatté lo stregone, «voleva che mettessi fine alle sue preoccupazioni e grazie a me ora di sicuro non si preoccupa più.»

La vicenda insegna agli uni che si deve essere cauti quando si desidera qualcosa, insegna ad altri che a volte la cura è peggio del male, ed insegna a tutti che è sempre meglio risolvere i problemi da soli.

riccardo pelizzo

© African Politics and Policy